Lo sai la senza pubblicità non prendiamo schei? dei fa puito!

Come disabilitare adblock
-

CAPIRE UN VENETO: 10 PUNTI CHIAVE

CAPIRE UN VENETO: 10 PUNTI CHIAVE
Vuoi uscire con un Veneto o una Veneta e vorresti sapere cosa ti aspetta? Vuoi capire se i luoghi comuni sul Veneto che senti in giro sono veri?
Ecco qui 10 punti che ho pensato, su cui puoi iniziare a ragionare se conoscerai un Veneto o una Veneta, di qualsiasi livello sociale.
Alla fine il nostro istinto prevale sempre.

1-TERRITORIALISTA: con un forte senso di appartenenza alla propria area geografica, territorialisti già da città in città, da paese in paese.
Internamente c’è una “lotta” tra le singole province per definire chi è la migliore ma che nel momento in cui la Regione intera viene attaccata ci si sente tutti come un unico popolo indivisibile. NON PROVARE A DIRE AD UN VICENTINO CHE PADOVA O VERONA (E VICEVERSA) È MEGLIO, NE RISENTIRAI IN SALUTE.
 

2-DIFFIDENTE (O SCHIVO): (fatta eccezione con i tedeschi e tedesche che “invadono le spiagge”)
specialmente nei confronti dei foresti ovvero chi vien da "fuori". Inizialmente sempre sospettosi, abbiamo bisogno del nostro tempo per capire e studiare le persone per poterci fidare. Non siamo gente che fa vita da "strada", ci sentiamo vulnerabili di fronte alle furbizie truffaldine, proprio perchè non sono nella nostra mentalità. Per noi è tutto come un würster : si va dal punto A al punto B dritto e lineare, quando qualcosa assomiglia agli spaghetti cominciamo a porci delle domande. UN VENETO NON TI STARÀ MAI SIMPATICO NEI PRIMI 15 MINUTI, A MENO CHE NON VI CONOSCIATE AD UN APERITIVO



3-LAVORATORE: da regione più povera d'Italia nel dopo guerra alla più ricca, umiltà e testa bassa ma sempre avanti. Ricordati che un Veneto ha avuto questi insegnamenti da piccolo, con questa mentalità tramandata dai genitori, dai nonni. Consapevole che senza farsi notare è riuscito a cambiare il mondo. Molte grandi aziende son proprio Venete: Geox, De Longhi, Benetton, Diesel, Melegatti, Paluani, Bauli, OVS, OZ Racing, Luxottica etc etc. Un Veneto penserà sempre: ma com'è che noi che siamo solo 4.8 milioni di persone produciamo più di tutti gli altri messi assieme? PER UN VENETO LUI LAVORERÀ SEMPRE PIÙ DI TE, METTITELA VIA.



4-ORGOGLIOSO: sia da un punto di vista puramente geografico sia da uno più caratteriale che ne identifica valori predominanti (il Veneto prima di tutto). Un Veneto sente nel subconscio che proviene dalla Serenissima Repubblica di Venezia, qualcosa che non si può spiegare o capire bene se non si è nati qui, un Veneto ce l'ha dentro. La Serenissima è qualcosa paragonabile a quello che sentono i Romani con Roma Impero, ogni cosa che vedi, tocchi, annusi in Veneto profuma di origini Veneziane. Ricorda che un Veneto ti ricorderà sempre ciò che diceva suo nonno/a ed è orgogliosissimo della sua famiglia, oltre al fatto che abbiamo più di 5.200 ville storiche,Venezia, Verona, mare,lago,montagne etc etc. APPREZZA LA SUA CULTURA, ALTRIMENTI TI ASPETTA IL PIPPONE STORICO, PREPARATI.



5-MOLTEPLICE: dato che il territorio è composto da zone marittime e da importanti catene montuose suddivise tra le varie provincie. Di conseguenza troviamo nella stessa regione sia montanari che persone abituate al mare, ognuno con i suoi pensieri e le sue caratteristiche. VALUTA BENE SU QUESTO IL PUNTO 1.



6-TRADIZIONALISTA:
e aggiungerei conservatore. Aperto ad ascoltare nuove idee, nuove cose, ma alla fine farà a modo suo. Difficile far cambiare idea ad un Veneto/a. L'uso del Veneto nel parlato è molto diffuso soprattutto nel mondo del lavoro dove sarà normale sentirlo. Usarlo ti fa "sentire a casa" ed è sinonimo di fiducia reciproca. Ricordati che ad un Veneto piacciono sempre le cose semplici e logiche, non riuscirai a stupirlo con i magheggi. SE NON SAI IL VENETO CERCA DI IMPARARE LE PAROLE CHIAVE, SARÀ IL TUO PASSE PARTOUT 



7-SERVILE
nel senso che un Veneto difficilmente si mette in mostra o vuole fare la commedia. Anche chi comanda è abituato a mettersi allo stesso livello degli altri, difficilmente troverete un Veneto vanitoso o che vuole mettere in mostra i suoi risultati. Si parte dal presupposto che si è sempre a disposizione degli altri, pensate che ancora oggi uno dei termini più utilizzati durante i saluti introduttivi è "COMANDI" quasi come dire: sono ai tuoi ordini. Ma se ci penso bene, proprio la parola CIAO proviene dal Veneto "SCHIAVO TUO" (sciavo tuo) ed è esattamente la forma di saluto reverenziale che si usava nella Serenissima ed oggi in tutto il mondo. PRENDI UN VENETO PER IL LATO GIUSTO, TI DARÀ IL CUORE ( E TI OFFRE PURE LO SPRITZ)



8-ROGNOSO:
ci attacchiamo a tutte le piccole cose, cose che mai un non Veneto può immaginare. Peggio dei tedeschi. Potresti ritrovarti in una conversazione legata a mondi paralleli di galassie inesplorate magari perchè hai buttato una carta per terra o perchè non hai accettato lo spritz che ti abbiamo offerto. UN CONSIGLIO: DARE SEMPRE RAGIONE, È UNA BATTAGLIA PERSA



9-FESTAIOLO:
un Veneto vive di festa, in tutte le sue forme, l'importante è che ci sia qualcosa da bere e da mangiare. Ci son più sagre in Veneto che in tutta Europa, paesi che riescono a fare 3 edizioni in un anno. Ricordati che lo Spritz è nato in Veneto, che si producono 42 vini DOC e DOCG cioè 1/4 di tutta la produzione Italiana. Ad un Veneto non frega di ricette articolate, ama le sue , semplici e grasse. Difficilmente sarà vegano, molto probabilmente ti farà assaggiare salumi e formaggi vantandosi che il Prosecco è roba nostra. L'aperitivo è sacro, le piazze si riempiono anche se la festa non ha un nome. Le parole chiave per farli uscire sono : SAGRA - APERITIVO - FESTON - MONA. TIENI A MENTE QUESTI PUNTI E VEDRAI I VENETI SENZA LUOGHI COMUNI


10-AUTOIRONICO: 
un Veneto non cercherà mai di farti ridere mostrandoti il suo lato più "figo" come fanno a Milano, ma si vanterà di dirti "so ignorante come el paltàn" , goliardicamente ovviamente, ma riderà di quella forma di "ignoranza contadina" che era tipica di una volta. Ci si collega al punto 7. Non lo fa per mostrare il suo lato più brutto, lo fa per farti sentire a tuo agio, per farti capire che non si considera più di te. Una forma di rispetto tipica nostra. Siamo molto auto ironici, accettiamo gli scherzi e siamo i primi a scherzare su di noi, sempre che resti tutto uno scherzo. L'AUTOIRONIA È LA CHIAVE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI.

Spero di non aver dimenticato nulla in questo ulteriore "viaggio" alla scoperta del Veneto, altrimenti fatemelo sapere nei commenti!

Andreas Ronco
SÙ COI GOTI!